-->
Home / Ispettorato Nazionale Lavoro / Notizie / ITL Udine Pordenone: svolgimento attività conciliativa con modalità da remoto

ITL Udine Pordenone: svolgimento attività conciliativa con modalità da remoto

19 novembre 2020

L’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Udine-Pordenone, informa che, con il perdurare dell’emergenza sanitaria da COVID-19, permane la necessità di assicurare lo svolgimento delle seguenti procedure:
conciliazione ex artt. 410 e ss c.p.c.;
conciliazione monocratica art. 11 del D. Lgs. n. 124/2004;
conciliazione monocratica a seguito di diffida accertativa ex art. 12 del D. Lgs. N. 124/2004;
art. 7 L. n. 604/1966,

tradizionalmente tenute “in presenza” attraverso strumenti di comunicazione “da remoto”.

Quanto sopra anche in applicazione del vigente quadro normativo di riferimento (da ultimo art.12 bis, del D.L. 76/2020) e delle conseguenti disposizioni ricevute dall’Ispettorato Nazionale del Lavoro (D.D del 22.09.2020 e circolare INL del 25/09/2020).

 Per ogni e maggior dettaglio delle modalità di convocazione e di tutte le questioni sottese si prega di contattare i responsabili dei procedimenti che sono:

 Per la sede di Udine

- Nicoletta Bravin o Claudia Bevacqua per l’attività conciliativa ex art. 410 cpc (commissione provinciale di conciliazione)

email: nicoletta.bravin@ ispettorato.gov.it – telefono: 0432 1576504;

email: claudia.bevacqua@ispettorato.gov.it 

- Mario Scalia per le conciliazioni monocratiche ex art. 11 d.lgs 124/2004:

email: mario.scalia@ispettorato.gov.it– telefono: 0432 1576531


Per la sede di Pordenone

- Michela De Lorenzi sia per l’attività conciliativa ex art. 410 cpc (commissione provinciale di conciliazione) che per le conciliazioni monocratiche ex art. 11 d.lgs 124/2004.

email: michela.delorenzi@ ispettorato.gov.it


CONCILIAZIONI EX ART. 410 C.P.C.

Ai fini dell’organizzazione da “remoto” delle riunioni, si informa che le istanze che perverranno dovranno essere sempre corredate da un indirizzo email (non PEC) e da un recapito telefonico delle parti coinvolte nella vertenza.

L’Ufficio procederà ad organizzare il tentativo trasmettendo apposito invito alle parti e ai soggetti che le assistono, ove verrà data comunicazione della riunione, richiedendo alle parti medesime la copia del documento di riconoscimento e/o di idonea procura a transigere e conciliare la lite. Le parti dovranno inviare apposita dichiarazione di adesione alla partecipazione alla conciliazione in videoconferenza e comunicare un indirizzo di posta elettronica (non PEC) che sarà utilizzato per la riunione da remoto.

Ricevuta la dichiarazione di adesione, l’ufficio trasmetterà il link di collegamento attraverso la piattaforma di “Microsoft Teams”  per il giorno e l’ora fissati nell’invito.

La verbalizzazione sarà effettuata esclusivamente dal funzionario addetto previa condivisione del testo sulla piattaforma Microsoft Teams  (funzione condividi schermo).

CONCILIAZIONI MONOCRATICHE EX ARTT. 11 E 12 D. Lgs 124/2004

Ai fini dell’organizzazione da “remoto” delle conciliazioni monocratiche, si informa che l’Ufficio procederà ad organizzare il tentativo trasmettendo apposito invito alle parti ove verrà data comunicazione della riunione, richiedendo alle parti medesime la copia del documento di riconoscimento e/o di idonea procura a transigere e conciliare la lite nel caso le stesse intendano farsi rappresentare. Le parti dovranno inviare apposita dichiarazione di adesione alla partecipazione alla conciliazione in videoconferenza e comunicare un indirizzo di posta elettronica (non PEC) che sarà utilizzato per la riunione da remoto.

Ricevuta la dichiarazione di adesione, l’ufficio trasmetterà il link di collegamento attraverso la piattaforma di “Microsoft Teams” per il giorno e l’ora fissati nell’invito.

La verbalizzazione sarà effettuata esclusivamente dal funzionario addetto previa condivisione del testo sulla piattaforma Microsoft Teams (funzione condividi schermo).

 

Quale ulteriore forma di semplificazione la norma vigente prevede che, in entrambi i casi “il provvedimento finale o il verbale si perfeziona con la sola sottoscrizione del funzionario incaricato” e successivamente inviato via e-mail o pec all’indirizzo dei soggetti interessati.

Non si potrà in nessun caso procedere alla registrazione della riunione.

In caso di mancata attivazione del link, previo tentativo di contatto telefonico da parte dell’Ufficio, la riunione si chiuderà con esito negativo per assenza della parte. Il funzionario procedente darà atto a verbale dell’assenza della parte istante ed archivierà la richiesta di conciliazione. Analogamente si procederà nel caso in cui l’istante non abbia dato risposta alla e-mail di invito.  

 
Procedure di conciliazione “in presenza”

È fatta comunque salva la facoltà, per le procedure sopra descritte, di riscontrare l’invito chiedendo che la riunione abbia luogo “in presenza” esplicitandone le motivazioni. In tal caso, qualora l’Ufficio ritenga fondate le motivazioni esposte, la riunione, per la parte istante, si svolgerà in presenza nel giorno e nell’ora fissate, tenuto sempre conto dell’esigenza di regolare gli accessi all’Ufficio per evitarne l’affollamento.”