-->
Home / Ispettorato Nazionale Lavoro / Notizie / ITL Terni-Rieti, continua l’attività per controlli covid

ITL Terni-Rieti, continua l’attività per controlli covid

9 marzo 2021


Il Direttore dell’Ispettorato territoriale del lavoro di Terni-Rieti, comunica che sta proseguendo incessantemente, in particolare durante i recenti fine settimana, l’attività prevista dalla vigente normativa relativamente ai controlli sulla corretta applicazione dei protocolli in uso di contrasto al Covid 19, nei diversi esercizi e attività produttive in particolare quelle ubicate nella provincia di Terni.
In particolare si è proceduto ad azioni istituzionali, in osservanza al Protocollo di sicurezza anti-contagio, previo coordinamento, come previsto, posto in essere dalla locale Prefettura territorialmente competente di Terni, in coesistenza tra Funzionari dell’Ispettorato del Lavoro Terni-Rieti, personale NIL dell’Arma Carabinieri della specialità Tutela del Lavoro, e in alcune occasioni anche con la presenza del personale appartenente all’Azienda sanitaria locale Umbria 2 e l’ausilio delle articolazioni territoriali del Comando provinciale dei Carabinieri.
Concretamente sul territorio sono state poste in essere, in particolare, una serie di ispezioni mirate alla vigilanza concernente il rispetto delle corrette applicazioni delle misure anti-contagio da COVID 19, presenza della necessaria documentazione, dei dispositivi di protezione individuale e collettiva e del relativo corretto utilizzo. Detta attività ha riguardato principalmente il settore del commercio a conduzione di etnie straniere.
Su un totale di n.6 attività/esercizi commerciali ispezionati solo due sono risultate completamente in regola con la normativa in vigore. In tutti gli altri casi sono state comminate le previste sanzioni amministrative, essendo stata accertata la totale carenza del Protocollo anti-contagio e altre inadempienze.
In un caso si è altresì reso necessario adottare il provvedimento di sospensione della relativa attività imprenditoriale in quanto è stata accertata la presenza di personale in nero in misura superiore al 20% dei lavoratori trovati al lavoro.