-->
Home / Ispettorato Nazionale Lavoro / Notizie / ITL Rimini: emergenza Covid-19

ITL Rimini: emergenza Covid-19

13 marzo 2020

L'ITL di Rimini informa che fino al 3 Aprile 2020, l'Ufficio sarà aperto al pubblico dal lunedì al venerdì, dalle ore 9:00 alle ore 11:00, ma l'accesso alla sede sarà consentito negli orari sopra indicati solo per necessità valutate caso per caso.

Per comunicazioni, istanze e informazioni sono a disposizione i seguenti numeri telefonici e indirizzi e-mail:

Tel. 0541/351311 – 0541/351360

Email: itl.rimini@ispettorato.gov.it

Pec: itl.rimini@pec.ispettorato.gov.it

Per tutte le richieste i modelli sono disponibili nella sezione modulistica.

In particolare:

  • la modulistica per la presentazione di  richiesta di intervento (Mod. INL 31). Alla richiesta debitamente sottoscritta è necessario allegare in copia tutta la documentazione utile a sostegno di quanto dichiarato.
  • la modulistica per l'istanza di autorizzazione all'installazione di telecamere (Mod. INL 1 – INL 1.1 – INL 1.2 – INL 1.4);
  • la modulistica per l'istanza di interdizione anticipata – post partum lavoratrici madri (Mod. INL 11 – INL 11.1);

 

Ogni istanza dovrà necessariamente essere sottoscritta e accompagnata, pena la mancata presa in carico, da copia del documento di identità del richiedente.

Le istanze potranno quindi essere inviate per posta ordinaria, ovvero trasmesse per posta elettronica agli indirizzi già indicati e che in ogni caso sono:

Email: itl.Rimini@ispettorato.gov.it

 Pec:   itl.Rimini@pec.ispettorato.gov.it

 

Dimissioni telematiche:

le dimissioni telematiche possono essere effettuate autonomamente dai lavoratori sul sito: www.cliclavoro.gov.it con Pin dispositivo INPS o SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale -  per informazioni: www.spid.gov.it). Si invita pertanto l'utenza a rivolgersi alla sede Provinciale Inps per la richiesta, anche telematica, del PIN dispositivo. Per maggiori informazioni: (https://serviziweb2.inps.it/RichiestaPin/jsp/menu.jsp).

 

Tentativi di conciliazione:

in attuazione dei DPCM richiamati e delle disposizioni diramate dal superiore Ispettorato Nazionale del Lavoro, gli stessi sono tutti rinviati a data successiva al 3 aprile 2020, che verrà comunicata con apposita nota.

Tale misura non prevede eccezioni. Pertanto, anche la trattazione delle conciliazioni ex art. 7 della legge 15 luglio 1966, n. 604, verrà programmata in data successiva al 3 aprile 2020, con accesso scaglionato dei soggetti interessati alle procedure.