-->
Home / Ispettorato Nazionale Lavoro / Notizie / ITL Pavia: violazioni in materia di sicurezza e lavoro nero nei pubblici esercizi

ITL Pavia: violazioni in materia di sicurezza e lavoro nero nei pubblici esercizi

8 agosto 2019

 

Nell'ambito di un'operazione di vigilanza nei pubblici esercizi, il personale ispettivo dell'Ispettorato del Lavoro di Pavia, unitamente ai militari dell'interno Nucleo Carabinieri e con il supporto dei militari della compagnia Carabinieri di Pavia e del NAS di Cremona, ha effettuato 4 controlli in Pavia e provincia.

A seguito dei controlli effettuati, sono state contestate sanzioni per un importo pari a 23.800 euro nei confronti del titolare di una discoteca per violazioni in materia di sicurezza sul lavoro concernenti l'omessa nomina del medico competente e del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, l'omessa visita medica preventiva dei lavoratori, la mancata redazione del documento di valutazione dei rischi e del piano di emergenza, l'omessa adeguata formazione dei lavoratori in materia di sicurezza.

Nei confronti del titolare di una ditta di gestione di servizi di pulizia sono state, altresì, comminate sanzioni pari a 24.600 euro per omessa comunicazione della chiamata di un lavoratore intermittente, oltre che per omessa nomina del medico competente e del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, omessa visita medica preventiva dei lavoratori, mancata redazione del documento di valutazione dei rischi, omessa adeguata formazione dei lavoratori in materia di sicurezza.

Nei confronti del titolare di una ditta di gestione del servizio di sicurezza e accoglienza, oltre alla denuncia all'Autorità Giudiziaria e alla sospensione dell'attività imprenditoriale, sono state inoltre contestate sanzioni per 35.000 euro per impiego di 4 lavoratori in nero, omessa nomina del responsabile del servizio di prevenzione e protezione e del medico competente, omessa visita medica preventiva i lavoratori e mancata adeguata formazione in materia di sicurezza.

Nei confronti del titolare di una ditta di ristorazione da strada, infine, è stata contestata la sanzione di importo pari a 1.000 euro per mancata presentazione della segnalazione certificata di inizio attività.