-->
Home / Ispettorato Nazionale Lavoro / Notizie / ITL Frosinone: sospeso cantiere edile per lavoro nero e sicurezza

ITL Frosinone: sospeso cantiere edile per lavoro nero e sicurezza

7 gennaio 2022


Le festività natalizie ed il picco epidemiologico non fermano i controlli a tutela della  sicurezza e del regolare inquadramento dei lavoratori.

A fine anno ispettori ordinari e tecnici dell'Ispettorato Territoriale del Lavoro di Frosinone hanno effettuato un accesso ispettivo presso un cantiere edile in provincia, nella Valle di Comino, verificandolo a 360 gradi per l'attività di contrasto al lavoro nero, di rispetto della normativa di prevenzione infortuni e per l'applicazione del protocollo anti-Covid sui luoghi di lavoro.

Nel cantiere edile  - i cui lavori riguardavano l'assemblaggio di profilati metallici nonché lo svolgimento di lavori in quota a circa 6 metri dal suolo affidati ad una ditta subappaltatrice nell'ambito di più generali lavori di manutenzione straordinaria ed efficientamento energetico di un fabbricato -  è stato trovato un lavoratore in nero e sono state riscontrate significative violazioni in materia di sicurezza come la mancanza di protezioni verso il vuoto con pericolo di caduta dall'alto, nonché la non corretta installazione del gruppo elettrogeno.

Relativamente a tali violazioni sono stati adottati e conseguentemente notificati sia all'impresa esecutrice sia all'impresa affidataria i provvedimenti prescrittivi con i quali si disponeva il ripristino delle condizioni di sicurezza, in aggiunta veniva adottato il provvedimento di sospensione dell'attività dell'impresa in cantiere, adottato sia per motivi di lavoro nero che per gravi violazioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro, come previsto dal "Decreto Fiscale" dello scorso Ottobre, convertito nella legge 215 del 2021.

La nuova normativa – intervenuta per porre un freno all'escalation di infortuni in ambito lavorativo  - elenca in modo tassativo le ipotesi di violazioni in materia di salute e sicurezza cui deve necessariamente scaturire il provvedimento di sospensione, diminuendo inoltre al 10% la soglia percentuale dei lavoratori in nero – rispetto a quelli presenti sul luogo di lavoro regolarmente occupati – per la quale scatta la sospensione.

Nel caso della verifica effettuata nella Valle del Comino gli importi sanzionatori comminati dagli ispettori del lavoro di Frosinone ammontano a   circa 11.000 euro, inoltre il  datore di lavoro dell'impresa esecutrice e del datore di lavoro dell'impresa appaltatrice-affidataria sono stati deferiti  all'Autorità Giudiziaria.