-->
Home / Ispettorato Nazionale Lavoro / Notizie / ITL Cagliari – Oristano: sanzioni per un negozio cinese per il” Fai da Te”

ITL Cagliari – Oristano: sanzioni per un negozio cinese per il” Fai da Te”

18 luglio 2019

L'Ispettorato del Lavoro di Cagliari – Oristano ha notificato nei giorni scorsi un verbale nei confronti di un grosso rivenditore di articoli per il Fai da Te che opera nella città di Oristano, a conclusione di un accertamento iniziato alcuni mesi fa sulla base di una segnalazione della Questura. Al titolare dell'azienda, di nazionalità cinese, è stato contestato l'impiego di 8 lavoratori in nero, nonché molteplici violazioni contrattuali e normative nella gestione dei rapporti di lavoro di ben 33 dipendenti. In particolare è risultato che l'imprenditore cinese assumeva tutti i suoi dipendenti con un part – time di 20 ore settimanali, ma in realtà richiedeva loro un full – time di 54 ore settimanali; le retribuzioni, di molto inferiori ai minimi salariali, venivano poi erogate in contanti per la parte eccedente le ore contrattualizzate. L'Ispettorato del Lavoro ha quindi contestato anche la violazione delle recenti norme che impongono ai datori di lavoro la tracciabilità dei pagamenti effettuati ai propri dipendenti. Nei locali per la vendita al pubblico e nei magazzini dell'attività commerciale erano inoltre state installate telecamere per il controllo a distanza dei lavoratori senza le prescritte autorizzazioni. Nei confronti del titolare dell'azienda sono state elevate sanzioni amministrative per oltre € 38.000,00; l'imprenditore dovrà inoltre versare all'INPS più di € 128.000,00 di differenze contributive a vantaggio dei lavoratori.