-->
Home / Ispettorato Nazionale Lavoro / Notizie / ITL Cagliari Oristano: Somministrazione irregolare di manodopera

ITL Cagliari Oristano: Somministrazione irregolare di manodopera

21 agosto 2020

​ Gli ispettori dell’ITL di Cagliari-Oristano ed i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Cagliari, nel mese di agosto, a conclusione di un’intensa attività congiunta, hanno accertato la somministrazione irregolare di manodopera da parte di 7 società (5 con sede a Roma e 2 in Sardegna) a favore di 8 attività commerciali operanti nel settore di prodotti per la casa, con sede nella provincia di Cagliari. Tale attività ha permesso di scoprire 384 rapporti di lavoro dipendente irregolari stipulati con lavoratori che, nella maggior parte dei casi, hanno lavorato per anni presso i punti vendita ispezionati ignari di essere stati oggetto di numerosi mutamenti di datore di lavoro, oppure convinti di essere dipendenti di un’agenzia di somministrazione di lavoro. I lavoratori ricevevano ordini e valutazioni da soggetti all’interno dei punti vendita senza avere alcun contatto con le società che formalmente ne avevano la responsabilità contrattuale. Dagli esiti degli accertamenti è risultato che le società apparentemente datrici di lavoro, attraverso la stipula di contratti di appalto per servizi – in particolare di pulizia – esercitavano a tutti gli effetti una somministrazione di manodopera illecita.  Tale sistema viziato avvantaggiava sia il datore di lavoro finale, che a fronte del solo costo della prestazione alla società appaltatrice non aveva altre spese per la manodopera, sia le società appaltatrici che risultando cessate anzitempo - ricostituendosi in altre forme societarie e rinnovando i rapporti contrattuali con i lavoratori dipendenti - evitavano il versamento dei contributi dovuti agli enti previdenziali e assistenziali. Sono inoltre state rilevate ulteriori irregolarità, quali ore extra o giorni festivi non retribuiti, spese fittizie per trasferte e l’applicazione del contratto Multi servizi anziché quello del Commercio. La somministrazione irregolare di manodopera ha determinato sia per somministratore che per utilizzatore finale l’irrogazione di sanzioni pecuniarie pari a 60 euro per ogni lavoratore e per ogni giornata di effettiva occupazione, per un importo totale, per ogni soggetto, nel minimo pari a 16.667,66 euro, per un ammontare complessivo pari a 439.506,44 euro.