-->
Home / Ispettorato Nazionale Lavoro / Notizie / ITL Ascoli Piceno: Controlli nel settore turistico-alberghiero

ITL Ascoli Piceno: Controlli nel settore turistico-alberghiero

28 luglio 2021


L'Ispettorato Territoriale del Lavoro di Ascoli Piceno, che ha competenza territoriale anche nella Provincia di Fermo, porta avanti la sua attività di vigilanza finalizzata alla verifica della normativa in materia di lavoro e legislazione sociale ed anche alla lotta contro il lavoro sommerso e irregolare.
L’attività di controllo è mirata anche a contrastare le indebite percezioni di misure economiche di sostegno del reddito, quali la Cassa Integrazione Guadagni, con particolare riferimento a quella stanziata per il periodo emergenziale del Covid 19, e il Reddito di Cittadinanza ed anche, non da ultimo, a verificare il rispetto dei protocolli anti contagio Covid 19.
Nel corso di una recente attività effettuata nella giornata di sabato 24 luglio u.s. nella Provincia di Fermo il personale ispettivo ha sottoposto a verifica una serie di aziende del settore turistico- alberghiero. 
All’esito degli accertamenti sono stati individuati 6 lavoratori completamente irregolari, c.d. “in nero”, e dopo ulteriori specifiche verifiche, è stato anche constatato che uno di essi era percettore di Reddito di Cittadinanza, per cui si procederà ad informare la competente Autorità Giudiziaria, oltre, ovviamente, l’INPS affinché revochi il beneficio indebitamente percepito.
Gli ispettori, a seguito degli accertamenti, hanno proceduto sospendendo l’attività imprenditoriale, in quanto il precetto normativo prevede la sospensione dell’attività di impresa quando il personale trovato in "in nero" sia pari o superiore al 20% del personale regolarmente assunto, e, nel caso di specie, il personale “in nero” era pari quasi al 50% delle maestranze regolarmente occupate. La sospensione dell’attività si è resa necessaria anche per garantire la tutela della salute e della sicurezza del personale nei luoghi di lavoro. 
Dai controlli è emerso che le violazioni per lavoro nero ammontano ad un totale complessivo di 21 mila euro di sanzioni.
A conclusione degli accertamenti di propria competenza si procederà anche alle segnalazioni di Legge alle Autorità competenti.