-->
Home / Ispettorato Nazionale Lavoro / Notizie / Comunicato Stampa

Comunicato Stampa

14 ottobre 2021


ITL Ancona: riscontrate gravi violazioni in un cantiere pubblico a Falconara

L'Ispettorato del Lavoro di Ancona, nell'ambito delle attività del Gruppo interforze istituito presso la Prefettura di Ancona, a cui partecipano anche la Direzione Investigativa Antimafia, la Questura, il Comando Provinciale Carabinieri, la Guardia di Finanza e il Provveditorato Interregionale Opere Pubbliche, ha effettuato un accesso ispettivo in alcune aree di intervento di un cantiere pubblico nel tratto situato nel territorio di Falconara per la realizzazione della Variante ferroviaria Orte-Falconara, riscontrando plurime e gravi violazioni in materia di sicurezza sul lavoro.

Le violazioni riscontrate mettevano effettivamente a rischio l'incolumità dei lavoratori che "pur di guadagnarsi il pane", come affermato da alcuni di loro, soggiacciono a condizioni lavorative gravemente prive di tutela.

Le irregolarità riscontrate hanno riguardato:

  • presenza di scavi le cui pareti avevano inclinazione quasi a 90° e profondità da 1,5 metri a 3 metri con operai all'interno che eseguivano lavori di disarmo delle casserature senza l'adozione delle necessarie cautele previste per evitare smottamenti del terreno;
  • lavori in quota senza aver approntato adeguate impalcature o idonee opere provvisionali atte ad eliminare pericoli di caduta dall'alto di persone o cose;
  • rilevate parti di recinzione, in tutte le aree del cantiere ispezionato, che presentavano caratteristiche non idonee ad impedire l'accesso agli estranei in condizioni di esposizione a grave pericolo imminente.

In attesa di ricevere la relativa documentazione richiesta, è stato altresì disposto in alcune zone il divieto d'uso di un escavatore e di impianti elettrici costituiti da gruppo elettrogeno con relativo quadro elettrico al fine di verificarne le necessarie conformità.

Il personale ispettivo ha adottato i provvedimenti di prescrizione obbligatoria allo scopo di far ripristinare nel più breve tempo possibile le condizioni di regolarità prevenzionistica delle lavorazioni svolte nel cantiere con l'obiettivo di ottenere la ripresa dei lavori in piena tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori e consentire, come per legge, al trasgressore di conseguire l'estinzione dei reati accertati mediante il pagamento delle somme previste per le singole contravvenzioni.