-->
Home / Ispettorato Nazionale Lavoro / Notizie / DURC online, nuove regole

DURC online, nuove regole

25 ottobre 2016

Oggetto del recente intervento normativo sono le disposizioni contenute nell'articolo 2, al comma 1, e nell'articolo 5, ai commi 2 e 3.

In relazione all'articolo 2, comma 1, il decreto specifica che le aziende sottoposte alla verifica da parte delle Casse Edili sono anche quelle che - sebbene non classificate o classificabili ai fini previdenziali nel settore edile - ne applicano il relativo contratto collettivo.

In relazione invece alla condizione presunta di regolarità, contemplata dai commi 2 e 3 dell'articolo 5 del d.m. 30 gennaio 2015, nelle procedure di fallimento con esercizio provvisorio (art. 104 del r.d. n. 267/1942) e di amministrazione straordinaria (d. lgs. n. 270/1999), il nuovo decreto estende tale presunzione anche alle procedure di liquidazione coatta amministrativa con esercizio provvisorio (art. 206 del r.d. n. 267/1942) e di amministrazione straordinaria per le grandi imprese in crisi che intendono avvalersi della procedura di ristrutturazione economica e finanziaria o del programma di cessione dei complessi aziendali (d.l. n. 347/2003, conv. da l. n. 39/2004).
Infine va rilevato che la condizione di regolarità, concernente i debiti previdenziali scaduti prima della data di autorizzazione all'esercizio provvisorio o di apertura delle procedure di amministrazione straordinaria, per effetto della modifica introdotta dal d.m. 23 febbraio 2016 non è più condizionata alla insinuazione al passivo dei crediti previdenziali.