-->
Home / Ispettorato Nazionale Lavoro / Media / Notizie attività di vigilanza / Notizie / ITL Siena, attività di vigilanza a contrasto del caporalato

ITL Siena, attività di vigilanza a contrasto del caporalato

3 ottobre 2017


In data 29 settembre 2017, a seguito di un lungo e complesso lavoro di intelligence svolto dall'Arma dei Carabinieri di Poggibonsi, dal Nucleo Carabinieri dell'Ispettorato del lavoro e dagli Ispettori della ITL di Siena, si è conclusa un'importante azione a contrasto del caporalato in provincia di Siena.

Una società avente sede legale a Grosseto, ma impegnata quale contoterzista nella provincia senese, pur apparendo formalmente regolare, di fatto sfruttava i propri lavoratori. Infatti, una cinquantina di operai di origine turca, pakistana e nordafricana, venivano impiegati presso vigneti del Chianti, solo alcuni con regolare contratto di assunzione. 

Attraverso il corposo materiale, è stato possibile appurare che i lavoratori venivano tutti sottopagati e costretti ad effettuare turni di lavoro massacranti e senza riposi periodici. Il blitz effettuato ha permesso inoltre di rilevare le degradanti condizioni alloggiative presso le quali i lavoratori venivano ospitati. Sussistevano quindi, nella fattispecie, tutti gli estremi per la constatazione del reato di sfruttamento di cui all'art. 603 bis.
Sono state contestate violazioni di natura lavoristica, prevenzionistica, sulla formazione e sorveglianza sanitaria. 

Sono tuttora in corso ulteriori verifiche. Ad oggi, risultano in esecuzione 3 ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti dei due titolari e di un sorvegliante, oltre al deferimento all'Autorità Giudiziaria -in stato di libertà- di 3 ulteriori indagati.