-->
Home / Ispettorato Nazionale Lavoro / Media / Notizie attività di vigilanza / Notizie / ITL Cuneo: vendemmia affidata a cooperative irregolari

ITL Cuneo: vendemmia affidata a cooperative irregolari

12 settembre 2017


Gli accertamenti effettuati nelle ultime settimane dall'Ispettorato Territoriale del Lavoro di Cuneo nell'ambito dell'attività di contrasto dell'illecita occupazione di manodopera in agricoltura, in particolare nell'ambito della vendemmia, registrano un significativo aumento delle ipotesi di ricorso a forme di esternalizzazione fittizia di manodopera.

Lo scorso 22 agosto, durante la campagna di vendemmia del moscato in Valle Belbo, gli Ispettori del lavoro ed il Nucleo Carabinieri Tutela del Lavoro, coadiuvati dal personale dell'Arma Territoriale, hanno proceduto ad una verifica ispettiva in una vigna la cui raccolta era stata affidata ad una cooperativa di macedoni. Tale cooperativa, all'atto dell'accesso, occupava 8 lavoratori su 9 privi di alcun contratto di lavoro.

Analogamente, nella giornata dell'8 settembre, a seguito di una serie di controlli nella vendemmia delle uve da dolcetto dei Comuni di Dogliani e Farigliano (Langhe Monregalesi), gli Ispettori del lavoro di Cuneo, congiuntamente ai militari della locale stazione dei Carabinieri, hanno riscontrato la presenza di una cooperativa amministrata da un cittadino extracomunitario di nazionalità macedone occupante 7 lavoratori in nero (di cui 4 sprovvisti di permesso di soggiorno per motivi di lavoro) su un totale di 8 lavoratori presenti ed intenti nelle operazioni di vendemmia. Nell'occasione è stato redatto e notificato il provvedimento di sospensione dell'attività imprenditoriale ai sensi dell'art. 14 del D.lgs. n. 81/2008.

A conclusione degli accertamenti saranno irrogate sanzioni amministrative per oltre 45mila euro ed è stato denunciato un macedone per l'occupazione di stranieri senza permesso di soggiorno.

Anche il 2017, quindi, va a caratterizzarsi per la persistente presenza di cooperative irregolari, gestite da soggetti extracomunitari, impegnate nella vendemmia nel Cuneese, in analogia con quanto registrato lo scorso anno allorché furono accertate e sanzionate forme fittizie di distacchi di lavoratori bulgari da parte di due cooperative costituite da cittadini di tale nazionalità residenti in Italia.